Trump di San Paolo

Standard

La storia politica del Brasile degli ultimi anni è stata molto movimentata. A pochi mesi dalle elezioni generali che decreteranno il nuovo presidente della Federazione, la situazione politica non potrebbe essere più incerta. Questa instabilità è dovuta soprattutto all’impatto sulla politica dell’ Operação Lava Jato (Operazione Autolavaggio), la Mani Pulite verdeoro. Continua a leggere

DIEGO FUSARO PER SPAZIO POLITICO

Standard

Abbiamo intervistato Diego Fusaro, filosofo, saggista e blogger, su alcuni argomenti d’attualità. Ringraziamo il Dottor Fusaro per l’interesse mostrato verso il nostro progetto.

 

1) L’argomento dei flussi migratori è stato al centro del dibattito italiano ed internazionale nelle ultime settimane. 

Lei come valuta l’operato dell’attuale esecutivo in tal senso? Quali sono(o possono essere) secondo Lei le ripercussioni di flussi migratori così imponenti a livello socio-economico? Continua a leggere

SOCIALISTI D’AMERICA

Standard

alexandria-ocasio-cortezE’ ormai chiaro a tutti che stiamo vivendo tempi politicamente interessanti. Tanto distratti dal governo giallo-verde da dimenticarci di tutto il resto, non abbiamo notato l’incredibile sbarco dei socialisti in America. L’immagine è straniante come quella del primo passo di Armstrong sulla Luna: un uomo spinto al limite delle proprie capacità in un ambiente certamente ostile. Oggi, però, la nostra astronauta si chiama Alexandria Ocasio-Cortez, la Luna è lo stato di New York, roccaforte Democratica e patria della borsa più importante del mondo.

Continua a leggere

La nuova politica internazionale dell’Italia

Standard

Charlevoix, 2018. Giuseppe Conte, nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri viene accolto da Justin Trudeau che fa gli onori di casa. Inizia la passerella con il bacia mano alla consorte, per poi muoversi al tavolo delle trattative, nel quale lo stesso Premier va a sedersi tra Juncker, Presidente della Commissione Europea, e Shinzo Abe.
E’ stato probabilmente il G7 più conflittuale di sempre, nel quale i partner europei hanno fatto muro nei confronti di Donald Trump, sempre più deciso verso la linea protezionistica non solo sull’acciaio ed alluminio, ma anche in futuro su altri beni di consumo. Il conflitto pare inevitabile.
In tutto questo, però, è proprio l’Italia che torna a giocare un ruolo saggio e “furbo”. Ai più attenti non sarà passato inosservato ciò che ha pronunciato Conte durante le varie dichiarazioni rilasciate alla stampa durante i giorni del Summit.
Vi è necessità di non solo reintrodurre la Russia nell’incontro dei potenti, ma di innovare l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), nella quale la Cina è entrata anni fa a titolo di paese emergente e nella quale, oggi, ricopre invece un ruolo decisamente più importante.

Continua a leggere

DARIO FABBRI PER SPAZIO POLITICO

Standard

Ho avuto l’occasione di intervistare Dario Fabbri, giornalista e redattore di “Limes” ,nonchè docente alla “Scuola Holden” ,su alcuni tra i principali temi di geopolitica, come la questione coreana, i rapporti Usa-Cina e le ripercussioni di un esecutivo Lega-M5s sulla geopolitica italiana. 

Dott. Fabbri, da giorni si parla moltissimo di un ipotetico incontro fra Donald Trump e Kim Jong Un. Il meeting era stato fissato per il 12 giugno a Singapore, poi è stato annullato ed ora ripristinato. Secondo Lei, che ripercussioni può avere un simile evento? Continua a leggere

Salvini e la sua Lega (Nord?)

Standard

Perché un pezzo sulla Lega di Matteo Salvini? Per più di un motivo in realtà. Un po’ perché all’interno di questo blog non ne abbiamo quasi mai parlato, un po’ perché rappresenta una parte molto importante della coalizione di centro-destra che, salvo imprevisti, si accinge a vincere le imminenti elezioni del 4 marzo. Continua a leggere

IRAN 2018: UNA NUOVA SPERANZA?

Standard

Da circa una settimana l’Iran è scosso da numerosi tumulti di piazza.  Queste proteste, iniziate il 28 dicembre nella città di Mashhad, la seconda più popolosa del paese, e diffusesi poi in numerose altre località, hanno visto migliaia di manifestanti scendere in strada per protestare contro la corruzione del regime, la disoccupazione ( specialmente quella giovanile) ed il carovita. I morti sono almeno 20, i feriti centinaia e gli arresti migliaia. Nel pieno della rivolta, una giovane donna è salita su un piedistallo e si è tolta il velo bianco obbligatorio un riferimento simbolico alla libertà per le donne: nonostante sia stata subito arrestata, è diventata un simbolo. L’escalation di violenza non accenna a placarsi, con macchine bruciate a lanci di molotov anche nella capitale Teheran. Ma come siamo arrivati a tutto ciò? Cerchiamo di fare un passo indietro e capire. Continua a leggere