Tra precariato e flessibilità

Standard

Troppe volte siamo testimoni di eventi che accadono e ci giriamo dall’altra parte come nulla fosse. Eppure questa volta no. Ciò a cui ho assistito mi ha colpito profondamente. Entrato in una agenzia immobiliare, in attesa del mio turno, un ragazzo sulla trentina era a colloquio per poter avviare una pratica d’affitto per un immobile, per sé e la propria compagna, un immobile umile che avrebbe però consentito loro di creare quell’autonomia ed agognata indipendenza che la nostra generazione tanto brama. Entrambi posseggono un regolare contratto a tempo determinato, figlio della attuale riforma del lavoro, ma per l’agenzia non basta. Sebbene il contratto in loro possesso fosse di cinque anni ed il contratto d’affitto dell’immobile a scadenza biennale la richiesta è stata la seguente: “C’è bisogno di un garante, i vostri contratti non assicurano gli standard di cui necessitiamo.”. Nonostante il ragazzo avesse più volte insistito assicurando della stabilità dei loro contratti quinquennali, nonostante avesse più volte sostenuto di avere eventuali risparmi per qualsiasi necessità la risposta è stata un secco no. Non avendo alcuno che potesse fungere da garante il ragazzo è uscito da quella stanza afflitto. Continua a leggere

LA RISCHIOSA SCOMMESSA SULLA FLAT TAX

Standard

Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”. Sembra essere questo il limite giuridico, che si aggiunge a quelli teorici, per tutto quanto concernente l’introduzione in Italia della Flat Tax. Ed il testo citato è l’art. 53 della nostra costituzione. Ma facciamo chiarezza. Innanzitutto distinguiamo tra la “tassa piatta” per gli stranieri con domicilio in Italia, di recente implementazione e costituzionalmente immune, e quella invece ventilata dalla Lega Nord in caso di vittoria alle prossime politiche, costituzionalmente vincolata. La prima si rivolge infatti ai soli individui che hanno trascorso nove degli ultimi dieci anni fuori dalla Penisola e impone loro una somma forfettaria di 100.000€ sui redditi prodotti all’estero. L’obiettivo? Aprire le porte del paese ai “paperoni” stranieri che saranno felicissimi di trasferirsi in un’Italia con loro mai così accogliente dal punto di vista tributario. E per il cinese con la passione del Chianti una villa in Toscana diventa più di un semplice atollo estivo. Ed il momento è più che mai propizio nello scenario post Brexit; è proprio  Continua a leggere