BISOGNO DI (LEGITTIMA) DIFESA

Standard

Dopo l’approvazione del Decreto Sicurezza, appena due giorni fa  la Camera ha dato il via libera all’approvazione del disegno di legge sulla legittima difesa, altro temo molto caro all’attuale vicepremier e inquilino del Viminale Matteo Salvini, di cui questo blog ha recentemente parlato. I voti favorevoli sono 373, i contrari 104 e gli astenuti appena 2. Ben 25 deputati del Movimento Cinque Stelle si sono pronunciati contrariamente, dando adito ad ulteriori lotte intestine nell’esecutivo, dopo quella ben nota sulla TAV. A fine mese il testo verrà vagliato dal Senato, ma la tramutazione in legge pare comunque molto vicina. Continua a leggere

Diem25: o si fa l’Europa o si muore

Standard

diem25

Le elezioni del Parlamento Europeo, decise per il prossimo Maggio, si avvicinano inesorabili a marcia di treno. Al contrario, dell’UE e del suo spirito iniziale, delle sue aspirazioni e speranze, se ne sente parlare sempre meno. Sarà perché il vecchio continente, politicamente parlando, se la passa molto male, fra rinati nazionalismi, frizioni fra stati, sfide a Bruxelles e Strasburgo ed un senso di fratellanza e coesione che si sta sfracellando al suolo ad una velocità allarmante.

Continua a leggere

Bolsonaro, Salvini, il caso Battisti: prove di un nuovo asse

Standard

E’ notizia di cronaca l’arresto di Cesare Battisti sul suolo boliviano. Il personaggio è ormai noto per il suo passato: ex membro dei “Proletari Armati per il Comunismo” (PAC) è conosciuto ai più per i quattro omicidi commessi e per la fuga dal carcere di Frosinone negli anni ’80. Continua a leggere

Natale, i politici pubblicano e gli italiani commentano

Standard

«Hai un terremoto a Catania, il fratello di un collaboratore di giustizia ucciso a Pesaro e pensi a fare il pirla con la nutella», «Crollano le case, assassinano i familiari dei collaboratori di giustizia ed il ministro dell’Interno mette le foto sui social manco fosse Chiara Ferragni»; sono quasi 10mila i commenti sotto la foto di Matteo Salvini pubblicata ieri mattina su Facebook e tutti recitano lo stesso mantra.

Il vicepremier voleva semplicemente dimostrare la sua vicinanza al popolo italiano tramite i suoi account social; un iter che, secondo qualcuno, gli persino fatto vincere le elezioni. Eppure si è trattato del solito tentativo di apparire sul web come una persona semplice che fa le stesse cose che fanno tutti gli italiani: bere vino, mangiare tortellini e fare colazione con pane e nutella. Stavolta però, prima di schiacciare “Condividi” avrebbe dovuto un attimo controllare le ultime news. “Il mio Santo Stefano comincia con pane e nutella, il vostro?” chiede. Continua a leggere

ATTENTO GIGI, FUOCO AMICO

Standard

703px-Luigi_Di_Maio,_2017,_Milano

Di Maio e il Movimento 5 Stelle stiano lontani dai nemici immaginari della Lega e di Matteo Salvini, si dissocino da battaglie che non appartengono alla loro storia e formazione.

Hai voglia ad ascoltare le cassandre della stampa filo-dem, il governo gialloverde scoppia di salute e gode di un consenso pressoché integro e una popolarità invidiabile. Una forza tale che il più grande pericolo per Lega e Movimento sono Lega e Movimento stessi, con i primi che sembrano stabilmente tenere il manico del coltello. Continua a leggere

The Movement: Steve Bannon alla conquista dell’Europa

Standard

“Adesso c’è bisogno di una internazionale populista”. Così parlava Steve Bannon alcuni mesi fa. L’ex consigliere strategico di Donald Trump ed ex vice presidente della discussa società di dati Cambridge Analytica, che oggi sappiamo esser stata determinante per la strategia digitale che ha portato il Tycoon newyorkese alla Casa Bianca, non ha mai fatto segreto di avere in simpatia i partiti populisti e di estrema destra che negli ultimi mesi hanno conquistato una buona parte dell’elettorato europeo. Cacciato dalla sua carica di consulente dallo stesso Trump perché da egli stesso definito troppo estremista (l’ironia abbonda!), non è restato con le mani in mano ed ha cercato in questi mesi di costruire una casa comune per tutti quei leader, partiti e movimenti politici che si riconoscono nei valori del nazionalismo e del populismo. Continua a leggere