Sono tornato. L’armistizio ha salvato il Fascismo

Standard

Cassibile, 3 Settembre 1943.

Il Regno d’Italia, alla presenza del Generale e futuro presidente Dwight Eisenhower firma la sua resa. Le ostilità cessano nei confronti degli Alleati ed un’altra guerra inizia, quella al nazifascismo.
Di qui inizia una storia che tutti conosciamo. L’Italia sale sul carro dei futuri vincitori, divenendo la base operativa e logistica delle truppe alleate che risalivano verso il Brennero.
In Germania, invece, le cose sono andate decisamente in modo diverso. Nessuna pietà verso un paese che, per la seconda volta, si era trovato al centro delle questioni europee, al centro di una rottura di equilibri di portata epocale.
La Germania fu rasa al suolo. Si era completato il disegno di Hitler: “O Germania o niente”.  Di fatto, dopo la sua sconfitta la Germania non era altro che un cumulo di macerie, un paese dilaniato, deturpato, distrutto dai continui bombardamenti a tappeto. Continua a leggere