DAVIDE GIACALONE PER SPAZIO POLITICO

Standard

In un mondo secolarizzato, ha ancora senso parlare di laicità come valore aggiunto? Ripercorrere i fondamenti e le radici della laicità, con le sue connotazioni politiche, partendo dalla Prima Repubblica può offrirci un panorama completo delle attuali sfide politiche e dell’attuale situazione che viviamo. 
Su questo argomento, Elena Cavucli per Spazio Politico ha intervistato il giornalista e scrittore italiano Davide Giacalone.

Continua a leggere

Perchè donare?

Standard

Spazio Politico inaugura la sezione donazioni. Perchè, dunque, donare? 
Siamo indipendenti e non abbiamo alcun tipo di patrocinio né da istituzioni, né da movimenti politici, né da partiti.  Siamo fortemente convinti che scrivere liberamente e bene e scrivere il giusto, dal nostro punto di vista, sia un passo importante per far godere la politica a chi ha deciso di seguirci, a chi, con noi, ha riscoperto il piacere di leggere la politica. Il sostentamento del blog, quindi, in termini intellettuali ed economici (grafiche, abbonamenti, pubblicità, materiale video) passa totalmente da noi e dalle nostre risorse. La donazione è totalmente libera, sia nel decidere di farlo o meno che nei quantitativi. Ogni donazione, per noi, è un successo.

Donare, infatti, non significa solo sostenere l’attività di Spazio Politico ed aiutarla a crescere e migliorarsi, ma è anche, e soprattutto, un feedback positivo, un’iniezione di gradimento verso questo progetto che noi, sei ragazzi, abbiamo deciso di avviare e rendere effettivo, con sforzi, impegno e tanta dedizione. Il progetto sta crescendo, passo passo, grazie a VOI, che ci seguite, ci leggete e supportate in modo costante e continuo.

A chiunque voglia donare va il nostro più sincero e profondo ringraziamento ed invitiamo a lasciare un commento annesso, che sia un consiglio, suggerimento, gradimento o critica, per poterci migliorare con voi e per voi.

I sei ragazzi di Spazio Politico

Link per la donazione:

https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_s-xclick&hosted_button_id=HUZKPYWLRSR4W

Pubblica Amministrazione: Work in Regress

Standard

Se avessimo offerto a Teseo, l’eroico figlio del Re ateniese Egeo, di scegliere tra affrontare il mostruoso Minotauro nel labirinto di Creta o mettere mano nella pubblica amministrazione italiana, sono convinto che la mitologia greca avrebbe tranquillamente seguito il corso che tutti conosciamo. Il paragone forse è un po’ azzardato: Il Minotauro dopotutto divorava sette fanciulli e sette fanciulle che il Re Minosse gli mandava ogni nove anni, la nostra pubblica amministrazione invece brucia quotidianamente una quantità infinita di denaro pubblico per restituire servizi scadenti o percepiti tali. Perché? Da dove nasce questo vulnus? Se analizziamo a grandi linee la storia d’Italia possiamo notare facilmente come ci sia stata, per ragioni diverse nel corso degli anni, una concezione disastrosa del decentramento amministrativo e della partecipazione democratica che questo voleva esprimere. L’articolo 5 della costituzione parla chiaro: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi e i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”. Detto questo, occorre ricordare cosa è successo in Italia dal 1948 ad oggi per rendersi conto di quanto abbiamo manipolato e Continua a leggere