Non c’è proprio pace per il povero Matteo

Standard

Non c’è proprio pace per lo stomaco del povero Matteo. Dopo gli inevitabili mal di pancia per trovare un accordo con i 5 stelle a Roma anche il gelato milanese deve essergli rimasto un po’ indigesto. Ormai la vicenda sembra diventata un caso di Stato ma tentiamo di ripercorrere l’accaduto per capire quale sia il vero problema sotteso a questa vicenda. Salvini si trova a Milano, nella sua gelateria di “fiducia” o almeno così sembra. Eppure accade l’impensabile: la gelataia (in prova) si rifiuta di servirlo. Chiariamo, la gelataia è figlia di un algerino e un’italiana, nata e cresciuta in Italia. È italiana al 101%. Il padre tra l’altro è un elettore del carroccio e la madre un’affezionata a FI. Da qui si susseguono le storie più fantasiose.  C’ è chi sostiene che la ragazza si sia rifiutata di servire il leader del carroccio perché “razzista”, dipingendola nell’immaginario comune come una maleducata dipendente che alla richiesta di un cliente risponde “io non servo i razzisti”, c’è chi al contrario sostiene che la ragazza si sia elegantemente defilata e abbia lasciato alla collega il compito di servire il cliente pur non nascondendo il proprio disappunto per la sua figura, ma che questo non sia in alcun modo stato percepito da Salvini stesso. Continua a leggere

L’UNIVERSITA’ NON SFORNA FUTURI…

Standard

logo ghost writerUna routine azzerante 

Sveglia, caffè, biblioteca, letto. Sveglia, caffè, lezione, letto. Qualche sigaretta nevrotica fra una cosa e l’altra. Queste sono le due routine di un universitario medio, rispettivamente in sessione e non.  

Dai primi appelli disponibili alla scrittura della tesi, la vita di uno studente universitario si riduce all’istante che intercorre tra un esame e l’altro, e che consiste essenzialmente in uno studio matto che termina con uno schiocco di dita, proprio come il pessimistico concetto di felicità di Leopardiana memoria.  

Continua a leggere

ROMANZO ELETTORALE

Standard

L’idea fu de Il Cavaliere. Li riunì tutti a casa sua una Domenica per discutere della sua fissazione. C’erano anche Il Padano e La Borgatara. Il Cavaliere gli illustrò la sua idea, quella di unire le rispettive batterie e mettersi in società insieme per dare vita ad “una cosa in grande, un progetto comune”. La “stecca para per tutti” si aggirava intorno al 15%.  Gli disse anche che quello poteva essere il momento per prendersi Roma, e per prendersela ora prima che lo facesse qualcun altro. Ma a Roma in quel tempo aveva governato per un po’ Il Toscanaccio. Continua a leggere

Tra precariato e flessibilità

Standard

Troppe volte siamo testimoni di eventi che accadono e ci giriamo dall’altra parte come nulla fosse. Eppure questa volta no. Ciò a cui ho assistito mi ha colpito profondamente. Entrato in una agenzia immobiliare, in attesa del mio turno, un ragazzo sulla trentina era a colloquio per poter avviare una pratica d’affitto per un immobile, per sé e la propria compagna, un immobile umile che avrebbe però consentito loro di creare quell’autonomia ed agognata indipendenza che la nostra generazione tanto brama. Entrambi posseggono un regolare contratto a tempo determinato, figlio della attuale riforma del lavoro, ma per l’agenzia non basta. Sebbene il contratto in loro possesso fosse di cinque anni ed il contratto d’affitto dell’immobile a scadenza biennale la richiesta è stata la seguente: “C’è bisogno di un garante, i vostri contratti non assicurano gli standard di cui necessitiamo.”. Nonostante il ragazzo avesse più volte insistito assicurando della stabilità dei loro contratti quinquennali, nonostante avesse più volte sostenuto di avere eventuali risparmi per qualsiasi necessità la risposta è stata un secco no. Non avendo alcuno che potesse fungere da garante il ragazzo è uscito da quella stanza afflitto. Continua a leggere

ROBOT E LAVORO: IL BENE ED IL MALE DELL’AUTOMAZIONE

Standard

Automobili in grado di guidarsi da sole. Macchinette del caffè in grado di servire il cliente autonomamente. Reception dove non si è assistiti da un portiere ma da un robot.

No, non si tratta di un’opera fantascientifica ambientata in chissà quale futuro tanto lontano quanto distopico, ma bensì della realtà odierna, dove l’evoluzione tecnologica dell’automazione si sta rendendo sempre più evidente, “infiltrandosi” in settori d’occupazione che fino a non molti anni fa erano di esclusiva competenza umana.
Come tutte le rivoluzioni, non hanno tardato a formarsi due fazioni: da una parte quella dei sostenitori di queste innovazioni, ritenute foriere di grandi miglioramenti; dall’altra,vi è chi nutre una forte preoccupazione per la sparizione di un numero potenzialmente enorme di posti di lavoro.

Continua a leggere

L’indomito Mélenchon

Standard

Le due tornate elettorali francesi, presidenziale e legislativa, sono state segnate dall’ennesimo fallimento elettorale della sinistra europea. I socialisti francesi, in entrambe le elezioni, si sono fermati al 7% del totale dei voti espressi. Un tracollo storico quello della Gauche parlamentare che ha pagato l’estrema impopolarità di Francois Hollande. L’ex-presidente francese è infatti considerato da molti il peggiore della storia della Republique. Un risultato ripetuto, quello del Parti Socialiste, che, alla stregua dei partiti della Sinistra tradizionale occidentale, all’inseguimento delle politiche della Destra, continuano a perdere consensi tra il loro elettorato tradizionale. Nella parte più radicale di quell’area politica bisogna però segnalare una piccola vittoria: quella di Jean Luc-Mélenchon e del suo partito La France Insoumise. Continua a leggere