#chiamatemipopulista

Standard

london_student_protestLenin oggi sarebbe considerato un populista. All’epoca della Rivoluzione d’Ottobre, che due mesi fa ha compiuto cento anni, Lenin trasse spunto da alcuni pensatori che prima di lui avevano parlato a favore del lavoratore sfruttato e brutalmente umiliato dall’Impero ed a favore dell’uguaglianza e del diritto contro il despotismo.

Oggi diremmo che Lenin è un populista perché non aveva timore di indicare sfruttatori e sfruttati e, più semplicemente, perché si ergeva a paladino della sovversione dello status quo. Ed oggi, purtroppo, l’idea di Rivoluzione è morta.

Continua a leggere

LA REPUBBLICA CHE TRADISCE IL LAVORO

Standard

Il 2 Giugno siamo soliti festeggiare la nascita della nostra Repubblica. Proprio in questi giorni riflettevo su come questa Repubblica sia nata dal sangue di tante gente, dei i nostri nonni, e di come forse paradossalmente questa “amata” democrazia , sia degenerata e sia divenuta “amara”.  Questa affermazione pare legittima, sotto i più vari aspetti. Potremmo dire senza mezzi termini, che siamo stati un po’ tutti traditi da questa Repubblica,  che ormai sembra aver smarrito il suo lato democratico. Il termine democrazia deriva dal greco δῆμος, démos, “popolo” e κράτος, krátos, “potere” e  come ben si può intendere dall’etimologia si vuole ricalcare l’immagine di come il potere appartiene al popolo. Ed è proprio da questa affermazione che deve partire la nostra riflessione sul  come la nostra Repubblica abbia voltato le spalle ai suoi cittadini. L’articolo principale della nostra carta costituente è l’articolo 1: “ l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Eppure mi sembra doveroso posporre a questa affermazione un bel punto interrogativo. L’Italia è una Repubblica democratica? E’davvero fondata sul lavoro? La sovranità appartiene al popolo? Continua a leggere

Ruanda, 1994.

Standard

206678318_26df3ba144_b“Le mie truppe proseguivano sommerse fino alle ginocchia da corpi mutilati; circondate da gemiti gutturali di persone morenti, guardando negli occhi di bambini dissanguati, con le ferite bruciate dal sole e invase da vermi e mosche.”

Questa fu la situazione che Roméo Dallaire trovò nei villaggi del Ruanda, dopo appena venti giorni dall’inizio del Genocidio perpetrato dagli Hutu contro i Tutsi. Il 6 Aprile si commemora l’anniversario dall’inizio di questa terribile pagina della storia Africana durata circa 100 giorni ma costata la vita a quasi un milione di persone. Il Ruanda del 1994 sembra ormai lontano sia nello spazio che nel tempo ma può ancora farci riflettere sull’importanza dei diritti umani e sul ruolo che le organizzazioni internazionali esercitano nella loro tutela. Continua a leggere

I Movimenti femministi sono il peggiore nemico della Donna

Standard
Può suscitare uno strano effetto il titolo, eppure alla luce degli eventi che abbiamo sotto gli occhi quotidianamente c’è da chiedersi quanto effettivamente il femminismo sia rappresentativo dello status attuale della donna. Il ventunesimo secolo è un secolo strano, dove la realtà sembra sempre più mistificata e ci si aggrappa a termini coniati in precedenza per potersi etichettare. Ma ad oggi possiamo ancora parlare di femminismo, nelle sue finalità originali? Io credo di no. La realtà femminista non è a noi nuova, è nato nell’Ottocento, per poi trovare la sua massima espressione tra gli anni ‘60 e ’70, con l’intento di innalzare, dare uguaglianza nei diritti economici, sociali, pari dignità alla donna. La pari dignità sociale ad oggi è una realtà ampiamente professata ed interiorizzata nell’Occidente così come gli eguali diritti sociali. Il punto dolente rimangono i diritti economici, in quanto le donne tendenzialmente guadagnano meno degli uomini, a parità di ruolo. Eppure la retorica in cui oggi siamo sommersi poco porta alla ribalta la questione “materiale”, ma sempre più la questione dell’uguaglianza tra i sessi. Le manifestazioni a cui assistiamo sono sempre più un tripudio di luoghi comuni e sentimentalismi repressi che esplodono contro misure o persone, come è successo negli Stati Uniti con l’elezione del Presidente Trump.