Perchè amiamo il pessimismo?

Standard

Il principale scopo di questa rubrica è quello di documentare il progresso che ha contraddistinto la razza umana sotto svariati profili: economico, alimentare, tecnologico e quant’altro.

Tuttavia, l’argomento di oggi sarà diverso ma non per questo meno importante: come mai gli individui, nella stragrande maggioranza dei casi, è marcatamente pessimista? Continua a leggere

LA RINASCI(MENTO)TA DI GIULIO TREMONTI E VITTORIO SGARBI

Standard

Il titolo dell’articolo è senz’altro ingannevole. Si, perché in realtà l’iracondo critico d’arte ed il colto professore, ex ministro dell’economia con Berlusconi, sono attivissimi e vivissimi. La rinascita di cui si parla è quella che i due vorrebbero iniettare nelle vene della nostra povera e malata Italia. Da qualche mese infatti Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti hanno dato vita ad un movimento politico e culturale il cui nome è tutto un programma: Rinascimento. Naturalmente i due fondatori ricoprono all’interno di tale “partito”, due ruoli completamente diversi: Sgarbi fa la parte del megafono televisivo, che da anni ormai si sgola contro capre, grillini, falchi, colombe e animali vari per far capire che non si può progettare nulla nel Bel Paese che non abbia a che fare con l’arte. Sarebbe come se il Governatore delle Maldive ignorasse di essere al mare, è solito ripetere Sgarbi riferendosi al rapporto malsano che la politica italica nel suo complesso, ha con il mondo della cultura.
Continua a leggere

LA MARIANNA: LA LEOPOLDA DI GIOVANNI NEGRI

Standard

Correva l’anno 2010 e in quel di Firenze si iniziava a scrivere il primo importante capitolo della mitografia Renziana. Fu proprio in quella annata che vide la luce la prima edizione della Leopolda. Prima che il Rottamatore entrasse nel vorticoso mondo della politica nazionale, la Leopolda era semplicemente una vecchia stazione in disuso a Firenze, mentre adesso a tale termine si associa subito quel maestoso meeting che ha trasformato l’ex sindaco della capitale del Rinascimento nel politico più chic del Bel Paese. Nel corso di questi sette anni la Leopolda ha conquistato tutto: mente e cuore degli Italiani, la segreteria del PD e Palazzo Chigi. Per tutto questo tempo non abbiamo sentito parlare d’altro, come se non esistessero altre iniziative degne di essere raccontate dallo story-telling giornalistico italiano. Ma è davvero così? Ovviamente No! Scuriosando un po’ tra le varie iniziative che nel nostro paese nascono e si sviluppano lontano dai riflettori dei talkshow e dei Telegiornali, si possono scoprire tantissime realtà politiche e culturali che vale la pena conoscere. Nell’ultimo periodo ho scoperto La Marianna. Cos’è? Un progetto ambizioso ideato da Giovanni Negri, imprenditore,giornalista, beniamino di Continua a leggere

OCCIDENTE ED ISLAM: DUE MONDI CHE NON VOGLIONO PARLARSI

Standard

Il rapporto difficile tra il mondo Occidentale e quello Islamico non nasce certamente oggi, così come il dialogo tra essi non è una novità. L’Impero Ottomano per secoli si è affacciato sul Vecchio Continente, giungendo sino alle porte di Vienna, così come l’Europa molto spesso intratteneva rapporti commerciali proficui con esso. Lo scontro e l’incontro sono stati due elementi caratterizzanti di questo lungo rapporto di amore/odio tra questi mondi così distanti, eppure così vicini. Queste due macroculture, con numerose variabili al loro interno, hanno intrapreso, però un percorso diverso nei secoli. Il mondo occidentale, che dall’Europa si è esteso anche all’altra sponda dell’Atlantico, si è avviato verso una fase di secolarizzazione, di laicizzazione delle istituzioni e dei costumi, il mondo islamico, invece è rimasto fortemente ancorato alla commistione tra religione e diritto. Può sembrare una differenza di poco rilievo, in realtà non lo è. Le ripercussioni sono importanti, sono tangibili e constatabili nel mondo quotidiano. Se l’Europa, infatti, ha scisso il concetto di morale soggettiva da quello di diritto oggettivo ed universalmente valido, non si può dire lo stesso per il mondo Islamico dove religione, cultura, morale e diritto costituiscono un rapporto molto intimo. Continua a leggere