UE, il Patto Molotov-Ribbentrop è molto più controverso

Standard

“Fu infatti la paura di essere lasciato solo contro Hitler che alla fine spinse Stalin, che sin dal 1934 era stato un ferreo sostenitore dell’alleanza con l’Occidente contro Hitler, verso il patto Molotov-Ribbentrop dell’agosto 1939”
(Eric Hobsbawm, Il Secolo Breve, Parte Prima, Cap V, pag. 183) Continua a leggere

Italia Viva si, Italia Viva no: la terra dei cachi

Standard

A concludere questa brevissima stagione politica iniziata da Salvini sulla spiaggia del Papeete, ci pensa Renzi con il suo addio al PD e la formazione dei suoi nuovi gruppi parlamentari. Perché, con il passare del tempo, diventa sempre più evidente come i nostri Matteo trovino difficile, se non addirittura impossibile, non far parlare di sé.

Continua a leggere

La grande sfida dell’autonomia differenziata

Standard

Ultimamente sui giornali si parla della trattativa per definire le modalità e i limiti con
cui verrà strutturata l’autonomia differenziata di Lombardia, Veneto ed Emilia-
Romagna. Viene banalmente citata come uno dei tanti, troppi, motivi di frizione
all’interno della maggioranza di Governo, ma raramente la questione viene
analizzata e discussa nel dettaglio. Eppure si tratta di un tema che potrebbe avere
delle ripercussioni di una certa rilevanza nella vita di tutti noi. Continua a leggere

Politica e magistratura: l’eterna lotta

Standard

Il recente terremoto interno al Consiglio Superiore della Magistratura(CSM) , che hanno visto il pubblico ministero Luca Palamara e l’ex ministro dello Sport Luca Lotti al centro della bufera, offrono un utile spunto per analizzare un tema sul quale si sono spesi fiumi di parole ed inchiostro da ormai tanti anni, con il problema che però ciclicamente si presenta nella sua immancabile natura mediatica ma anche in veste giuridica: il conflitto fra politica e magistratura. Continua a leggere

Scenari possibili di una crisi di Governo

Standard

Il caldo afoso, il sudore e i vestiti appiccicati sono solo alcune delle cose che danno più fastidio durante l’estate. Per intenderci, nessuno gli preferisce l’inverno ma provate a immaginarvi tutte e tre queste situazioni e aggiungeteci anche il fatto che dovete stare concentrati su giornali e televisioni perché è periodo di campagna elettorale. È caduto il Governo, si (ri)vota a settembre.

Continua a leggere

Europee 2019, il nostro commento: “Salvini lancia un’opa sul contratto di governo”

Standard

Trionfo della Lega, clamorosa debacle del Movimento 5 Stelle, bene Meloni, cresce il Pd e male Forza Italia. La giornata di ieri verrà ricordata un po’ da tutti, 51 milioni di italiani sono stati chiamati al voto e il 56% di questi ha voluto premiare il Carroccio. Una vittoria clamorosa quella che vissuta in Via Bellerio e in tutta la penisola. “Numeri totalmente capovolti rispetto ad un anno fa – ha sottolineato il nostro Andrea Marrocchesi, stamani ospite a Radio Siena Tv -. Questa è anche la conclusione di un percorso iniziato da Salvini nel 2014, quando la Lega alle scorse Europee prese poco più del 6%. Adesso è il primo partito grazie ai voti del Nord Italia”. Tra la Lega e il Movimento 5 Stelle, che ottiene il peggior risultato nella sua storia a livello nazionale e paga la scarsa affluenza al Sud Italia, tradizionale bacino di voti, adesso i rapporti di forza sono opposti rispetto ad un anno fa. “Salvini è pronto a lanciare un’opa sul contratto del governo del cambiamento – ha detto il nostro Lorenzo Marretti, anche lui ospite nel programma Buongiorno Siena di Radio Siena Tv”.

La Redazione