Conte, l’Avvocato del popolo suona la carica dei 5 Stelle

Conte, l’Avvocato del popolo suona la carica dei 5 Stelle

Non è passato molto tempo da quando l’ormai ex premier, Giuseppe Conte, si collegò dallo studio di casa sua a Firenze per parlare agli iscritti del Movimento 5 Stelle. Primo segnale di un avvicinamento dell’Avvocato del popolo al partito di Beppe Grillo che, da subito, ha voluto fortemente l’inserimento di una figura autorevole e ‘moderata’ quale è il presidente ‘in pectore’, Conte. Facciamo subito chiarezza, come l’ex premier, ha voluto fare a sua volta: Giuseppe Conte non è ufficialmente membro del Movimento 5 Stelle ma un suo ingresso sembrerebbe ormai scontato.

Una “rivoluzione pentastellata”, così potremmo chiamare il suo discorso fatto alle dieci di sera ai moltissimi iscritti, fra cui deputati ed eurodeputati del Movimento. L’idea di Conte è quella di stravolgere completamente il programma dei 5 Stelle, continuando a mantenere il sistema moderato, già testato durante le due legislature precedenti. Un bel cambio di passo, visto e considerato che dalla rottura del Governo Conte i 5 Stelle stessero navigando a vista, lasciando aperti diversi scenari politici, con il rischio di portarsi all’autodistruzione. Insomma, con la perdita del faro guida, anche il Movimento 5 Stelle ha rischiato, per un momento, di ‘partitodemocratizzarsi’ andando verso una spaccatura del partito.

Coesione, unità d’intenti ed esportazione della democrazia”, Giuseppe Conte sembra credere fortemente negli ideali pentastellati senza però lasciare troppo spazio alla frenesia. Il progetto dell’ex premier, sembra strizzare l’occhio a Vito Crimi, segretario nazionale e Luigi Di Maio, già suo Ministro degli Esteri, sia nel primo Governo che nel Conte bis.

Adesso la palla passa nelle mani del segretario nazionale, Crimi, che dovrà raccogliere i consensi del Movimento per portare i 5 Stelle nella direzione di Giuseppe Conte. Non sarà cosa facile perché diversi schieramenti sono nati all’interno dei grillini, tanti e con idee divergenti. Un lavoro non da poco dato anche dal fatto che i 5 Stelle detentori di una buona percentuale della maggioranza Draghi devono fare i conti con i malumori del Paese e una campagna vaccinale allo sbando. Ma se il progetto di Giuseppe Conte verrà accolto, come probabile che sia, il Movimento 5 Stelle si prepara a suonare la carica e tornare alla ribalta nei maggiori scenari politici italiani.

Un articolo di Niccolò Bacarelli

SpazioPolitico

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: