Il tradimento della sinistra

Standard

Qualche giorno fa, nelle consuete scaramucce pre-elezioni, Matteo Renzi ha risposto piccato all’intenzione, anzi alla promessa, di Berlusconi di abolire il Jobs Act, posizione manifestata ormai da settimane dal leader di Forza Italia; Renzi, dopo aver lanciato una frecciata alla gestione economica e occupazionale dei governi dell’avversario, ha testualmente replicato: “Sarà contento il nordest, il mondo produttivo, vorrei vedere che ne pensano gli imprenditori di tornare al mondo del lavoro del passato”. Premesso che correre alle elezioni politiche e, in piena campagna elettorale, attribuire alla sola area del nord est italiano la qualifica di “mondo produttivo” suona come un’autorete degna di Mai Dire Gol, quello che troppo è passato in sordina è come Matteo Renzi, leader della principale forza (nominalmente) di sinistra, abbia, a proposito di una legge diritticida verso lavoratori, precari, giovani in cerca di occupazione, posto l’accento sul gradimento degli imprenditori. Un’affermazione del genere è la deriva irreversibile di qualsiasi velleità di centrosinistra in Italia. Continua a leggere

DAVIDE GIACALONE PER SPAZIO POLITICO

Standard

In un mondo secolarizzato, ha ancora senso parlare di laicità come valore aggiunto? Ripercorrere i fondamenti e le radici della laicità, con le sue connotazioni politiche, partendo dalla Prima Repubblica può offrirci un panorama completo delle attuali sfide politiche e dell’attuale situazione che viviamo. 
Su questo argomento, Elena Cavucli per Spazio Politico ha intervistato il giornalista e scrittore italiano Davide Giacalone.

Continua a leggere

Leopolda. il coraggio di crederci ancora

Standard

Dal 2012 ormai la Leopolda è un’appuntamento fisso che non si può mancare e fortunatamente questa volta avevo anche dei giorni di ferie a disposizione e l’ho vissuta a pieno anche come volontaria. Torno a casa con il sorriso sulle labbra e l’entusiasmo rinnovato che il nostro Paese può andare a testa alta nel futuro.

Continua a leggere

RIMINI 5 STELLE VISTA DA UN INSIDER

Standard

Nel seguente articolo, riportiamo le opinioni del dott. Michele Pinassi, portavoce e consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle a Siena, in relazione alla sua esperienza durante il meeting nazionale del M5S svoltosi a Rimini nei giorni scorsi. Ringraziamo il dott. Pinassi per la sua cortesia e disponibilità a partecipare al nostro progetto.

Dopo aver vissuto la prima, euforica, edizione di Roma e la seconda, più “umida” (meteorologicamente parlando) di Imola, questa quarta edizione riminese, con un clima decisamente piacevole, l’ho vissuta più che altro da osservatore. Continua a leggere

LA REPUBBLICA CHE TRADISCE IL LAVORO

Standard

Il 2 Giugno siamo soliti festeggiare la nascita della nostra Repubblica. Proprio in questi giorni riflettevo su come questa Repubblica sia nata dal sangue di tante gente, dei i nostri nonni, e di come forse paradossalmente questa “amata” democrazia , sia degenerata e sia divenuta “amara”.  Questa affermazione pare legittima, sotto i più vari aspetti. Potremmo dire senza mezzi termini, che siamo stati un po’ tutti traditi da questa Repubblica,  che ormai sembra aver smarrito il suo lato democratico. Il termine democrazia deriva dal greco δῆμος, démos, “popolo” e κράτος, krátos, “potere” e  come ben si può intendere dall’etimologia si vuole ricalcare l’immagine di come il potere appartiene al popolo. Ed è proprio da questa affermazione che deve partire la nostra riflessione sul  come la nostra Repubblica abbia voltato le spalle ai suoi cittadini. L’articolo principale della nostra carta costituente è l’articolo 1: “ l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Eppure mi sembra doveroso posporre a questa affermazione un bel punto interrogativo. L’Italia è una Repubblica democratica? E’davvero fondata sul lavoro? La sovranità appartiene al popolo? Continua a leggere