LA SCUOLA E’ INUTILE

Standard

La scuola non serve. Non serve perché non serve agli studenti, ai giovani. Il guaio è che insegna tante belle cose ma poche utili. Non si fa attualità per esempio. Ma si fa anche troppo poca Storia con programmi spesso tirati via dove a malapena si raggiunge la Seconda Guerra Mondiale. Eppure si parte dal Paleolitico, dagli Assiri e dai Babilonesi; si sa meglio le classi sociali di tremila anni fa che quelle odierne. La scuola è un treno che prendi e che dopo tredici anni ti scende in una città che non conosci. Si è smesso anche di fare Educazione Civica nelle scuole, se vuoi capire come gira il mondo devi essere autodidatta. Se vuoi sapere come è fatto stesso discorso: la Geografia non si fa più. Incredibile. Diritto Pubblico poi dovrebbe essere una materia al pari dell’Italiano nelle scuole, non un esame che trovi in qualche facoltà universitaria, la Costituzione va saputa, non a memoria ma va saputa. Bisognerebbe educare i giovani alla Politica. Non è colpa loro se appena diciottenni non sanno chi votare, come votare, perché votare. Capirai, chi gliel’ha spiegato? E lasciamo da parte la solita retorica infantile del ragazzino che preferisce dormire la mattina e prega i genitori di non svegliarlo. Io sono serio. Si fa Matematica e Latino perché ci devono aprire la mente si diceva. Ed è vero per carità. Mi chiedo però cosa bisogna far “entrare” in queste menti. L’esperienza scolastica è quantomeno deludente, si potrebbe fare meglio, si fa tanto “ieri” ma poco “oggi”. Ogni settimana ci dovrebbero essere due ore di Attualità, come materia, ci dovrebbe essere la verifica di Attualità con voto, il debito pure se hai l’insufficienza. Perché è tutto importante, ma almeno bisognerebbe sapere ciò che ci circonda. Sarebbe anche tutto più vicino agli studenti, più d’impatto, più “simpatico” di un campo di forza in Fisica. E poi spiegare bene come funziona il Parlamento, il Governo, insegnarci la nostra democrazia , sapere cos’è l’Unione Europea, l’ONU e raccontare la Storia. La Storia è fondamentale, ma non gli Egizi eh, ti fa capire l’oggi, come mai è così, ma anche come è stato, cos’è successo prima e che conseguenze ci ha portato. Siamo una generazione ignorante ma non è colpa nostra. Certo se non ci insegnano solo una minoranza si informerà da sola. 

Sono state fatte tante riforme sulla scuola, ma alla fine quasi tutto si regge ancora su Giovanni Gentile e la sua riforma datata 1923, novantacinque anni fa. Ma l’attuale sistema scolastico è semplicemente anacronistico, strutturato per essere perfetto in una situazione sociale in cui si passava dall’analfabetismo all’alfabetizzazione del nostro paese ed in questo clima di campagna elettorale sulla scuola invece regna il silenzio assoluto, senza idee nuove, odierne, correnti che magari qualche voto in più lo porterebbero anche. Tagliare un po’ i programmi, accorpare Scienze e Fisica e dare spazio al Diritto Pubblico, magari fare anche architettura e urbanistica a Storia dell’Arte e studiare anche i ponti e le strade oltre ai quadri, tradurre notizie in Inglese più che la letteratura, insegnare i capoluoghi di Regione, le capitali e le nazioni del mondo.

Fare gli orari (e i programmi) in maniera tale da permettere ogni settimana di parlare di attualità, permettere agli studenti di confrontarsi tra loro, con il professore, farsi una coscienza propria. Insegnare, ma per davvero e più che mai insegnare ad essere buoni cittadini, essere informati, consapevoli del mondo che è fuori, di come funziona e capire le dinamiche che poi incontreremo. Si studierà un quadro di Monet in meno e non s’imparerà a memoria la poesia, ma almeno ci sarà un motivo veramente valido per andare a scuola: capire chi siamo e dove siamo. Facendocelo insegnare. Chiedo tanto? 

 

NICCOLO’ BELLUGI  

Seguimi anche su Facebook

 

4 pensieri su “LA SCUOLA E’ INUTILE

  1. Gianfranco paradisi

    L’attuale scola Prepara, ma non in maniera efficace.
    PIÙ LINGUE straniere per comunicare
    SCITTURA CONCISA (focalizzata)
    EDUCAZINE CIVICA (sistematicità )
    ECONOMIA (
    TANTA SCIENZA (futuro)
    ORGANIZZAZION-EPIANIFICAZION (cosa-come -quando)
    ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ((esercizio messa in pratica e sfida)

    Mi piace

  2. Grazie manograzie

    Chiaramente hai frequentato una tipologia di scuola che ti ha lasciato insoddisfatto e questo mi dispiace. Ma grazie al cielo in italia ci sono tanti tipi di scuole e uno può scegliere l’indirizzo che più fa al caso suo.
    Purtroppo la scuola non può insegnare tutto di tutte le materie. È perfettamente normale che venga fatta una selezione. Inoltre noto che ti lamenti di problemi non esistenti, come per la geografia.
    Tutte le scuole elementari e medie che io sappia la insegnano e non vedo perchè uno dovrebbe insegnare le capitali del mondo per 13 anni (8 sono più che sufficienti no?)
    E molti altri argomenti di cui ti lamenti di non aver trattato ti posso assicurare di averli avuti in programma alle superiori, come per esempio basi di diritto e costituzione. Ovviamente per dare spazio a queste materie hanno dovuto tagliare altre cose (come il latino) perchè ripeto…. le ore sono quelle.

    Scegli un indirizzo di studio che offre corsi di materie che ritieni interessanti e non inutili e sei a posto.
    Ritieni che vengano dati troppi spazi a matematica, scienze e fisica? Nessun problema, non andare in un liceo indirizzo scientifico.

    Se mi chiedi se penso che il nostro sistema sia perfetto ovviamente ti rispondo di no e che dalla riforma Gelmini (compresa) non fa altro che peggiorare, ma non esageriamo col lamentarci.

    Mi piace

    • La critica che viene mossa non è tanto sugli indirizzi e sulle tipologie di scuole che ognuno liberamente può frequentare (a propria preferenza e interesse) quanto sul concetto di insegnamento che la Scuola propina. Aldilà dei licei che possono essere scientifici, classici, linguistici o istituti tecnici è cosa si insegna poi (o non s’insegna) nelle scuole che lascia a desiderare. Ci si concentra tanto infatti su argomenti che poi alla fine ti lasciano poco quando termini il percorso scolastico. Insegnare la costituzione, le basi di diritto o fare attualità in classe dovrebbero essere i principi cardine della Scuola; non che se le vuoi sapere te le scegli tramite indirizzi più specifici altrimenti vai per altri e decidi di non volerle sapere. Questa dovrebbe essere la “mission” delle scuole, questo dovrebbe essere insegnato ai nostri giovani, almeno questo; sennò cosa va insegnato allora? Per quanto riguarda la Geografia una nuova infarinatura di un paio di anni anche al Liceo non farebbe per niente male; ci sono ragazzi giovani e meno giovani che spesso incappano in lacune geografiche assai gravi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...