Europa unita o Europa delle nazioni?

Standard

 

« Vuoi che la Catalogna sia uno Stato indipendente sotto forma di repubblica? »

Dodici semplici parole che però potrebbero cambiare totalmente il futuro del continente europeo. Come il referendum scozzese di tre anni fa, la tornata referendaria che deciderà il destino della Generalitat de Catalunya avrà un impatto enorme sul vecchio continente. E quindi non è un caso che il referendum sull’indipendenza di Barcellona sia stato giudicato incostituzionale e che il premier Rajoy utilizzi il pugno duro per non fare votare i Catalani il 1 Ottobre. Gli arresti dei 14 funzionari e membri del governo della regione hanno reso altissima la tensione nel Regno. Ma la tensione si sente anche nell’ Unione Europea. Il continente che si vuole unire rischia di restare immerso nel mare degli indipendentismi. Ogni stato europeo ha un movimento che vuole liberare i suoi cittadini dall’autorità centrale e se la tornata elettorale avesse un esito favorevole per il Si, allora ognuno di questi movimenti avrebbe un precedente per rivendicare la propria libertà. La costruzione dello stato europeo viene quindi minacciata da una “balcanizzazione” del Vecchio Continente. Una foto su Reddit mostra come potrebbe diventare l’Europa se ipoteticamente i movimenti secessionisti avessero la meglio, 80 micro-stati e piccole enclavi che riporterebbero l’Unione ad una conformazione simile a quella del Medioevo. Non solo l’istanza catalana quindi ma un fiume in piena di movimenti autonomisti. L’ Italia ritornerebbe al caos degli anni del Rinascimento. La penisola è da sempre ricca di movimenti separatisti. Un tempo lo era la Lega Nord, con le sue sfide a “Roma ladrona” e i suoi miti celtici. Salvini non sembra comunque avere dimenticato la causa federalista, in Veneto e in Lombardia si voterà il referendum consultivo per l’ autonomia fortemente voluto da Luca Zaia e Roberto Maroni. Lo stesso segretario leghista ha espresso la sua solidarietà verso la causa catalana. Inoltre le istanze secessioniste in Veneto e in Lombardia rimangono forti (non scordiamoci i 24 arresti di qualche anno fa dei membri di “Brescia Patria” e “Veneto Stato”). In Italia poi è forte ed attivo il movimento indipendentista sardo “Sardinia Nazione” e il movimento per la liberazione dell’ Alto Adige della pasionaria Eva Klotz. I nostri cugini francesi invece hanno a che fare con il Fronte di Liberazione Naziunale Corsu che vuole liberare la terra natia di Napoleone e il nazionalismo occitano che vuole scindere i paesi della Lingua d’Oc. Nel Regno Unito, Scozia e Irlanda del Nord vogliono lasciare Londra motivati anche dal voto della Brexit. Il regno di Spagna rimane comunque il centro delle rivendicazioni indipendentiste: oltre alla Catalogna anche i Paesi Baschi hanno avuto un passato di rivendicazioni separatiste sfociate anche in brutali attentati per opera dell’ETA; inoltre pure l’Andalusia e le Canarie sono state agitate dalle correnti dell’Indipendenza. Tutta l’Unione Europea dunque rischia di essere investita da un moto secessionista. Se il 1 Ottobre in Catalogna vincesse il Sì, allora l’Europa potrebbe non essere più quella degli Stati Nazionali formatasi dal Trattato di Westfalia e dopo il Congresso di Vienna. Se la disgregazione diventasse realtà, chi guiderà l’unificazione del continente?

MARCO CRIMI

Seguimi su Facebook e su Twitter

Un pensiero su “Europa unita o Europa delle nazioni?

  1. Luca Vannocci

    POPOLI LIBERI ED INDIPENDETI IN UNO STATO FEDERATO CON RAPPRESENTANTI ELETTI DAL POPOLO POTREBBE ANCHE ANDAR BENE MA QUESTA EUROPA E’ UNA CLASSICA DITTATURA PLUTOCRATICA. ANDIAMO A VEDERE CHI FA LE LEGGI.

    Da Wikipedia

    “La Commissione europea è una delle principali istituzioni dell’Unione europea, suo organo esecutivo e promotrice del processo legislativo . È composta da un delegato per ogni stato membro (detto Commissario- ): a ciascun delegato è però richiesta la massima indipendenza dal governo nazionale che lo ha indicato.
    La Commissione rappresenta e tutela gli interessi dell’Unione europea nella sua interezza; avendo il monopolio del potere di iniziativa legislativa, propone l’adozione degli atti normativi dell’UE, la cui approvazione ultima spetta al Parlamento europeo e al Consiglio dell’Unione europea; è responsabile inoltre dell’attuazione delle decisioni politiche da parte degli organi legislativi, gestisce i programmi UE e la spesa dei suoi fondi.

    Da mie considerazioni :

    Basta avere propri uomini nelle Commissioni che tu comandi un’intero continente. I propri uomini sono Burocrati al soldo degli interessi non certo dei popoli ma spesso delle multinazionali e del mondialismo più avanzato. Ecco perchè ad esempio non è stato condannato da parte della Unione Europea il sangue in Catalogna.
    Saluti
    Luca Vannocci

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...