LE RINNOVABILI NEMICHE DELL’AMBIENTE

Standard

Mancano ormai poco più di due settimane alle elezioni politiche del 4 marzo, ed inevitabilmente sono numerosissimi i temi sui quali le principali forze politiche in campo dibattono per ottenere i maggiori consensi: dalla tassazione all’immigrazione, dalla sicurezza alle pensioni, dalla sanità al debito pubblico. Vi è, tuttavia, una  questione tanto importante quanto poco considerata nell’attuale arena politica: la politica energetica.    Continua a leggere

ROMANZO ELETTORALE

Standard

L’idea fu de Il Cavaliere. Li riunì tutti a casa sua una Domenica per discutere della sua fissazione. C’erano anche Il Padano e La Borgatara. Il Cavaliere gli illustrò la sua idea, quella di unire le rispettive batterie e mettersi in società insieme per dare vita ad “una cosa in grande, un progetto comune”. La “stecca para per tutti” si aggirava intorno al 15%.  Gli disse anche che quello poteva essere il momento per prendersi Roma, e per prendersela ora prima che lo facesse qualcun altro. Ma a Roma in quel tempo aveva governato per un po’ Il Toscanaccio. Continua a leggere

Salvini e la sua Lega (Nord?)

Standard

Perché un pezzo sulla Lega di Matteo Salvini? Per più di un motivo in realtà. Un po’ perché all’interno di questo blog non ne abbiamo quasi mai parlato, un po’ perché rappresenta una parte molto importante della coalizione di centro-destra che, salvo imprevisti, si accinge a vincere le imminenti elezioni del 4 marzo. Continua a leggere

Quo vadis Renzi?

Standard

Dall’essere il “partito della nazione”, all’essere testimone dell’imponente ritorno del forzaleghismo nei collegi veneto-lombardi e dei grillini nel sud-Italia. Dall’essere l’artefice del 40% delle Europee ad essere sceso, secondo gli ultimi sondaggi, sotto la non invidiabile “Quota Bersani”. Dall’essere il “rottamatore” della politica all’essere rottamato, sempre nei sondaggi, persino dal redidivo Berlusconi. Politicamente parlando stiamo assistendo alla fine di Matteo Renzi? Continua a leggere

Sono tornato. L’armistizio ha salvato il Fascismo

Standard

Cassibile, 3 Settembre 1943.

Il Regno d’Italia, alla presenza del Generale e futuro presidente Dwight Eisenhower firma la sua resa. Le ostilità cessano nei confronti degli Alleati ed un’altra guerra inizia, quella al nazifascismo.
Di qui inizia una storia che tutti conosciamo. L’Italia sale sul carro dei futuri vincitori, divenendo la base operativa e logistica delle truppe alleate che risalivano verso il Brennero.
In Germania, invece, le cose sono andate decisamente in modo diverso. Nessuna pietà verso un paese che, per la seconda volta, si era trovato al centro delle questioni europee, al centro di una rottura di equilibri di portata epocale.
La Germania fu rasa al suolo. Si era completato il disegno di Hitler: “O Germania o niente”.  Di fatto, dopo la sua sconfitta la Germania non era altro che un cumulo di macerie, un paese dilaniato, deturpato, distrutto dai continui bombardamenti a tappeto. Continua a leggere

99 A 1: LA DISUGUAGLIANZA SECONDO OXFAM

Standard

Bangladesh Factory Fire RetailersSi è concluso da qualche giorno il Forum Economico di Davos, incontro annuale fra le élite del mondo della politica, dell’economia e del giornalismo. Ma a far scalpore, durante i primissimi giorni del meeting è stato il rapporto sulla disuguaglianza pubblicato da Oxfam che, neanche a farlo apposta, ha lanciato proposte economiche molto più consistenti rispetto a quelle delle leadership mondiali. Continua a leggere

PENSIONI E FORNERO : LA LEZIONE DEL CILE

Standard

Con il 4 marzo ormai sempre più vicino, tra i temi più caldi toccati dai vari schieramenti politici (immigrazione, lavoro, tassazione, sicurezza per citarne alcuni) rientra sicuramente il sistema pensionistico. Infatti, benché il tema delle pensioni sia  da sempre molto rilevante, l’approvazione della legge Fornero nel dicembre 2011 ha reso la questione cruciale agli occhi di una parte consistente dell’elettorato. Continua a leggere